23 maggio 2016

Alla scoperta di un “Abruzzo Segreto”

Alla scoperta di un “Abruzzo Segreto”

Navelli è un comune gioiello, situato nell’area del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga; già celebre per lo zafferano (l’oro rosso d’Abruzzo) e centro di numerose iniziative di promozione della cultura e delle tradizioni del territorio, ospita Naturale: la prima fiera del vino artigianale in Abruzzo, giunta alla sua quinta edizione (7-9 maggio 2016).

Per tutti

Si tratta di un viaggio nel mondo del vino, fatto di assaggi liberi e seminari di approfondimento; di una rassegna di grandi vini, unici come le annate, i territori e i vignaioli che li producono; di un incontro tra persone e un’occasione di socialità. Uno stimolo alla riflessione sulla cultura alimentare e del consumo dei nostri giorni. Un vero tributo alla figura del vignaiolo-contadino, ultimo custode degli equilibri naturali e produttore del cibo, dove si riscopre il piacere di tradizioni antiche, sapori e profumi dimenticati.
Una manifestazione che accoglie tutti, curiosi, appassionati ed esperti che hanno in comune la voglia di imparare a conoscere o di approfondire il mondo di vini autentici e di qualità.

La riscoperta del Montonico

La nostra esperienza si è svolta nella giornata di sabato 7 maggio. Dapprima siamo stati impegnati in un seminario dedicato alla “riscoperta” del Montonico (da non confondere con il Mantonico), storico vitigno a bacca bianca ancora coltivato in pochissimi ettari alle pendici del Gran Sasso. Attraverso la presentazione appassionata del Professor Leonardo Seghetti (accademico nazionale dell’olio, del vino e della cucina italiana, autore di oltre cento pubblicazioni divulgative e scientifiche), abbiamo così scoperto uno dei vitigni autoctoni più antichi di questa splendida regione. In particolare lo abbiamo apprezzato nelle versioni 2014 e 2015 di Francesca Valente, giovane produttrice attiva nella zona storica di coltivazione, nel comune di Bisenti.
Dalla grande acidità e dal grado alcolico assai contenuto, il vitigno si presta egregiamente alla spumantizzazione come ha dimostrato un metodo classico del 2012 del Collega Ciccone.

Assaggi in libertà

Tra le varie degustazioni effettuate durante la Fiera ne scegliamo alcune tra quelle che ci hanno più emozionato.

Toscana

Le Boncie
Le Trame 2011
Iniziamo dalla Toscana con Giovanna Morganti dell’azienda le Boncie, straordinaria produttrice di vino, di recente ha fatto scalpore la sua scelta di abbandonare il consorzio del Chianti Classico per imbottigliare come semplice IGT il suo “Le Trame” a partire dall’annata 2011.
Le sue scelte apparentemente così radicali si traducono in un vino in grado di esprimere, allo stesso tempo, complessità straordinaria e semplicità disarmante. Certo coltivare la vigna ad alberello non è mai stato una passeggiata, inoltre un terroir come quello di Castelnuovo Berardenga non è sicuramente tra i più scontati da decifrare ed interpretare.

Molto semplice e goloso il Toscana IGT 5, frutto di un assemblaggio tra il sangiovese e alcuni vitigni complementari della tradizione toscana, quali colorino, mammolo e foglia tonda, rappresenta il classico “vino da merenda” da bere in gran quantità!
Di grandissimo rilievo l’assaggio delle Trame Toscana IGT nella versione 2013, ancora molto giovane con una certa austerità all’olfatto, ma si tratta di una interpretazione verace di sangiovese, dotato di trascinante energia.

Abruzzo

Tra le numerose aziende abruzzesi ci piace segnalare quella della famiglia Ludovico, una mini azienda situata a Vittorito in provincia dell’Aquila, un luogo dove la vite si coltiva da tempo immemorabile. Due i vini prodotti il Montepulciano d’Abruzzo Suffonte, tra i quali segnaliamo l’interessante annata 2013 sapida e dal tannino molto giovane e un assaggio d’annata, ancora molto vitale, la versione 2005. Tra i migliori della sua tipologia il Cerasuolo d’Abruzzo Suffonte, il 2015 è una vera chicca di bevibilità, ma anche le annate precedenti sono splendide e tuttora in ottima forma a dimostrare la plasticità del vitigno Montepulciano e le inaspettate doti di longevità di uno dei migliori vini rosati della penisola.

Sempre dall’Abruzzo arrivano i vini di Praesidium, piccola cantina attiva nella zona di Prezza, un cerasuolo d’autore frutto della vendemmia 2015, molto sapido e con vitale spina acida ci introduce alla degustazione del Montepulciano d’Abruzzo Riserva 2011, seppur giovane il vino ha stoffa da vendere e promette un’importante evoluzione. La vera sorpresa che arriva da questo produttore è la prima edizione di un cru di Montepulciano d’Abruzzo (frutto dell’annata 2009) dedicato alla nonna, Marianna, un vino sapido, ancora giovanissimo che per eleganza e complessità ha pochi eguali nella regione.
Si tratta di un ulteriore innalzamento nel livello qualitativo raggiunto da questa splendida realtà dell’entroterra aquilano.

Sicilia

Ci spostiamo in Sicilia nella zona di Menfi con i vini dell’Azienda Marilena Barbera, una dritta arrivata dagli amici del Gruppo Eventi, il cru da uve grillo Coste al Vento è un piccolo capolavoro nel suo genere, sapidissimo e molto reattivo a centro bocca da abbinare senza indugio con un raffinato piatto di pesce.

Il Rosato da nero d’avola la Bambina ci ha davvero conquistato: fresco, quasi salato e con una beva trascinante, un eccellente compagno per le cene estive.
Più strutturato ma altrettanto affascinante il Ciatù da uve alicante, molto fresco e con una nota amaricante che gli dona piacevole complessità.

Lazio

Chiudiamo con la cantina di Damiano Ciolli, apprezzato viticoltore in quel di Olevano Romano, gli assaggi dei due cesanese il Silene 2014, fresco e incredibilmente beverino e soprattutto del Cirisium 2013 più variegato e complesso ci presentano come meglio non si potrebbe la magia del suolo vulcanico legata a un vitigno, il cesanese, purtroppo ancora non apprezzato come meriterebbe.

Per concludere...

Ci rimane un ricordo indelebile, legato alla magia di questo luogo e una certa malinconia dovuta alla nostra rapida partenza nella giornata di domenica.
Appuntamento all’anno prossimo, in alto i calici e viva la meravigliosa terra d’Abruzzo!

“Grande è la fortuna di colui che possiede una buona bottiglia,
un buon libro, un buon amico”.

Molière (1622 – 1673)

Giovanni D'Alessandro
Giovanni D'Alessandro

Innamorato perso della Borgogna e del Pinot Noir, cerca, si spera con successo, di trasmettere la sua passione urbi et orbi.

Leggi anche:

Piccolo (e alto) mondo antico: Il Sangiovese in punta di piedi del Chianti Rufina
27 novembre 2019
Piccolo (e alto) mondo antico: Il Sangiovese in punta di piedi del Chianti Rufina
Un viaggio a ritroso nel Chianti Rufina con Leonardo Romanelli e le sue Delizie a Villa Olmi
Bordeaux - La riva sinistra, dove castelli e vigne punteggiano il boulevard dell'estuario
8 aprile 2019
Bordeaux - La riva sinistra, dove castelli e vigne punteggiano il boulevard dell'estuario
La strada del vino che si imbocca uscendo da Bordeaux in direzione nord, percorrendo la lunga striscia del Médoc, è scandita da magioni che vanno dal lusso austero al lusso ridondante, talvolta perfino vagamente esotico e mentre si guida anche il grigio dell’asfalto non sembra il classico grigio topo di tutte le statali del mondo, ma una sua sfumatura terribilmente chic, passerella perfetta per i vari châteaux che ci sfilano a fianco, schermati da cancellate imponenti.
Orcia DOC: la bellezza del paesaggio attraverso i suoi vini
21 giugno 2019
Orcia DOC: la bellezza del paesaggio attraverso i suoi vini
I vini della Val d'Orcia protagonisti a Le Delizie di Leonardo con i sommelier Fisar Firenze
Il convegno “L’architettura del vino nell’era dell’enoturismo”
24 febbraio 2020
Il convegno “L’architettura del vino nell’era dell’enoturismo”
Cantine del terzo millennio tra approcci minimalisti e protagonismi da archistar, tra estetica ed efficienza, questioni aperte su una sintesi che non tradisca territorio e funzione
Installa la nostra WebApp per avere tutto il mondo Fisar sempre a portata di mano!
AnnullaInstalla
share