15 febbraio 2017

Verticale Vigna la Regina

Sassella Vigna la Regina | Degustazione Verticale

Cena Valtellinese magistrale preparata da Manila e una verticale strepitosa di Chiavennasca 100%, Valtellina Superiore Sassella Riserva Vigna Regina DOCG di ARPEPE gentilmente offerta da Lorenzo. Una serata difficilmente dimenticabile, una serata col botto !

La cena, degno connubio della Regina.

Si parte con delle crespelle di grano saraceno col formaggio, Sciatt per gli amici Valtellinesi,  e pizzoccheri. Per finire con lo stinco di maiale al forno, tutto in una stupenda cornice di sei calici, una ciascuno per le annate della verticale : 1991, 1995, 1999, 2001, 2005 e 2007.

Pedo, clima o entrambi ?

La “Vigna Regina” è uno dei “cru” più noti della sottozona Sassella e arriva a oltre 450 metri di quota. In questo vigneto affiora più roccia che terra e qui sono presenti il maggior numero di viti vecchie dell’azienda: un patrimonio che nelle annate migliori regala una delle Riserve più longeve e preziose di tutta la Valtellina.

Questi vini ti fanno capire quanto possa essere emozionante scorrere le annate e comprendere il grande equilibrio di questa uva coltivata in montagna, di quanto sia essenziale e allo stesso tempo sorprendente per pulizia e freschezza, per l’eleganza e la ricchezza dei suoi profumi, per la longevità di un vino che il tempo scalfisce a fatica.

La memoria generale

Non avevo con me un taccuino per cui gli appunti sono abbastanza sintetici e legati a ricordi del giorno dopo, ricordi che in alcuni casi ho ancora mente in mente.

Tutta la verticale è accomunata dal colore granato che sfuma sull’unghia all’aranciato solo nelle due annate più vecchie ma mai si spegne, rimanendo vivo e splendente. Sei calici tanto austeri quanto eleganti dove il frutto evoluto è sorretto ancora da tanta freschezza e da una mineralità pietrosa delle rocce che accolgono il vigneto. La frutta è quella dei boschi, sconfinando in tutti i gradi di maturazione delle prugne, dalle più aspre fino a quelle secche natalizie, per arrivare al agrumato delle arance rosse. Terziari armoniosi del cuoio e del tabacco. Profumi incantevoli del sottobosco e dei funghi. Mai uno spigolo a disturbare la bevuta.

...ma le verticali partono dall'annata più giovane o più vecchia?

Ho deciso di partire dall’annata più vecchia cercando di rispettare l’eleganza e la finezza, nei confronti dell’esuberanza e della potenza della giovinezza, ma visto il risultato avrei potuto fare l’inverso senza penalizzare niente. Un grande vino non teme il confronto invecchiando e soprattutto non ha paura di reggere il confronto.

1991 è eroico nei suoi 26 anni, come il luogo dove viene coltivato, viole secche e rose, liquirizia e pepe, ferroso ed ematico, appena ossidato, appena aranciato ma giusto sull’unghia. Da lacrime.

1995 molto simile al ’91 recupera qualche nota balsamica di sottobosco rispetto al precedente e la sua “giovinezza” si lascia apprezzare soprattutto nel sorso.

1999 in eccellente stato di grazia, equilibrio ed eleganza, e la parte fresca diventa gustosa diventando prossima all’arancio

2001 pochi anni in meno lo rendono più scolpito e preciso, sorprendentemente fresco e tannico, con tannini finissimi e gustosi. Forse perde in complessità questa annata ma sicuramente non in beva.

2005 un ragazzino di 12 anni si addobba di un fiore più fresco e di una nota acida più agrumata. I tannini crescono ma la qualità è davvero elevatissima.

2007 ancora 2 anni in meno si manifestano con un naso più pungente, etereo e speziato, una bocca muscolosa  dove cuoio e tabacco non sono sfumature del tempo ma note nette del vino.

Vino e cibo sono volati nei bicchieri e nei piatti fra sorrisi e ammiccamenti dei commensali compiaciuti.

Forti esperienze sensoriali e conviviali che solo il vino e una buona cucina riescono a donare a una compagnia allegra.

A buon rendere !

Aldo Mussio
Aldo Mussio

Wine Lover and Champagne addicted. Da tutta la vita si destreggia e sopravvive tra hardware e software di tutte le specie, che sono poi la sua vita imprenditoriale. Ha trovato rifugio nel mondo del vino in tutte le sue declinazioni ludiche e si distrae in vari ambienti “social”.

Blog
facebook.com/aldo.mussio
twitter.com/Aldomussio
vivino.com/users/aldo.mus
instagram.com/aldomussio/

Leggi anche:

Sliding Doors, storie di spiriti indipendenti
15 maggio 2019
Sliding Doors, storie di spiriti indipendenti
Cosa accade alla stessa botte se al giudizio dell’imbottigliatore ufficiale si sostituisce l’estro di quello indipendente? Comanda sempre la voce dello spirito o a questo si sostituisce lo stile impresso nell’invecchiamento? il bivio nel destino del grande distillato
Quando la necessità diventa virtù: il whisky torbato
20 novembre 2019
Quando la necessità diventa virtù: il whisky torbato
Confermando la nostra propensione all’approfondimento seriale affrontiamo il terzo tempo del glencairn: focus sul whisky torbato
Piccolo (e alto) mondo antico: Il Sangiovese in punta di piedi del Chianti Rufina
27 novembre 2019
Piccolo (e alto) mondo antico: Il Sangiovese in punta di piedi del Chianti Rufina
Un viaggio a ritroso nel Chianti Rufina con Leonardo Romanelli e le sue Delizie a Villa Olmi
Se una sera d'autunno ti raccontano la Borgogna...
13 novembre 2019
Se una sera d'autunno ti raccontano la Borgogna...
Serata del 7 novembre 2019 dedicata a degustazione e racconti in compagnia di Camillo Favaro, coautore del libro "Vini e Terre di Borgogna"
Installa la nostra WebApp per avere tutto il mondo Fisar sempre a portata di mano!
AnnullaInstalla
share